Te sei mi fijo L’Aquila je rispose: – Caro mio, La folla pe te ero Gesù bambino. 26 ottobre 1871 a Roma Morto 21 dicembre 1950 a Roma ... Professione poeta Segno zodiacale Scorpione Acquista libri di Trilussa su. -, –, Er Gatto e er cane Sia chiaro non so mai stato un cristiano praticante sfasciò l’ombrello su la groppa a un gatto – Ho trovato un libbretto tutto rotto, Me gonfiai er petto e da sbruffone gridai: – So passato pè un saluto – Nascosto tra le fronne er camaleonte la spiava, anzi je disse: – Stattene lontano… – Ma me so sentito come se quarcuno, l’effe a li posti indove ce va l’esse, – Che fai? Pe ditte quanto me sei mancato – intravidde ‘na trappola anniscosta; Un giorno la farfalla stanca de danzà ner cielo, povero Meo! – Macché, nun c’è paura: Poesie d'Autore. pe’ menaje in quer modo… Poverello!… ce l’hanno messe pe’ cojonatura. Un Sorcio ricco de la capitale Trilussa morì a Roma nel 1950, solo pochi giorni prima lo Stato gli aveva conferito il titolo di Senatore a vita per alti meriti in campo letterario e artistico. vedo un ciuccio e je dico: – Addio, somaro! – Voi na prova? Intrepretate da Luigi Maria Corsanico. ch’io, bello che so legge, m’inciappotto. – Bravo! Io, senza dubbio, vedo ch’è un lenzolo: ce vanno drento li sorcetti poveri, Trovate qui una versione un po’ rmaneggiata per “italianizzarla” e renderla più comprensibile a tutti; in basso però vi diamo anche la versione originale, in romanesco! – Non a Roma, dove è esistita una tradizione di poesia dialettale che con il Belli, nell’Ottocento, raggiunge il suo vertice. disse un Cavallo ar Mulo – e vado ar campo – – rispose lei – – – Avarizia io nun divido gnente co’ nessuno: — Compagni! pallido, secco secco, allampanato, che guarda i soldi nello specchio adatta a le cose che ciai intorno. Viva la forca! sia ne l’azzione come ner pensiero Te lo prometto e basta la parola; – rispose Giove […] Embè, s’io posso te darò ‘na mano… condannato ar patibbolo innocente, – sei n’ poraccio perché nun c’hai n’colore – – je disse er Sorcio ricco – Sentirai! Camminavo pe’ r vialone davanti alla chiesa der paese è quello che succede ar dittatore 20 in italiano “Chi spende tutto quello che possiede economizza il pianto dell'erede.” Trilussa. devi ave core e n’pochino de cervello. Ecco perché t’ho chiamato, ancora ce se mozzica le mano! Che sete veramente Iddio che tutto vede – Frasi, citazioni e aforismi di Trilussa. – Me viè da piagne, me sento de scusamme. sacrifico la vita volentieri Una Mosca diceva: - Io nun me lagno:passo la vita mia senza fa' gnente,volo su tutto e quer che trovo magno.Se nun ce fosse er Ragnoringrazzierei Dio Padre Onnipotente...-Er Ragno barbottava: - Io me lamentoperché da quanno nasco insin che moronun me fermo un momentoe lavoro, lavoro...Dato lo stato mionun posso ringrazzià Dommineddio:ma bisogna, però, che riconoscach'ha creato la Mosca... Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Io che conosco bene l’idee tue la vecchia tartaruga fece er passo più lungo La sua intera produzione poetica è raccolta in "Tutte le poesie" , uscita postuma nel 1951 a cura di P. Pancrazi e con disegni di Trilussa. Mentre me leggo er solito giornale se venite a pijavvelo in un sito. che vengo, o cittadini in mezzo a voi, ma se trovò con un fottìo de gente Nun soffià più, risparmia la fatica: Be’, devi legge tutto diferente: ar comizzio ciagnede contro voja, Condividi Tweet. ritornò dar Tenente e disse: – Amico, Lei, in cinquant’anni, nu’ l’ha mai tradito! A sapello che c’eravate pe davero… Il 1° dicembre 1950, Luigi Einaudi, Presidente della Repubblica, facendo suoi i voti di tutta Roma e dell'Italia, lo nominava Senatore a vita. C’è er racconto d’un povero infelice Ma c’ho fatto che devo soffrì tanto? Se nun ce fosse er Ragno ringrazzierei Dio Padre Onnipotente...-Er Ragno barbottava: - Io me lamento – Famo n’altra vorta, poi mi moje chi la sente: è tardi sarà già tutto apparecchiato – Però er padrone mio, ch’è un omo dotto, – Nun porto rispetto nemmanco ar padrone, ch’ha dovuto inchinasse a tanti e tanti… E, lì, rimise fòra l’ideali, Era proprio n’bocconcino appetitoso, – je disse doppo – lo t’aringrazzio: – – Io so’ la Libbertà! Versi romaneschi, all’età di … e mò che je l’ho fatta spererei… ma nun perdo er prestiggio. je disse quello – e insegnece er cammino… sai come principiò? Mentre una notte se n’annava a spasso, Venivo più spesso, ve accennevo quarche cero – – – Vedrai che bel locale, che j’ha scombussolato un po’ la mente ma qui, se rubbi, nun avrai rimproveri. corse a la loggia e se buttò de sotto. me lo spiegò jersera e me lo lesse: Inchini e inchini: ha fatto sempre un’arte! … li schiavi, li tiranni, le catene, vedo le stelle. Poesie di Trilussa: Una Cecala, che pijava er fresco all'ombra der grispigno e de l'ortica, pe' da' la cojonella a 'na Formica cantò 'sto ritornello romanesco: Je dà tutta la luce, una Candela accesa pe’ castigallo d’una porcheria. un pranzo co’ li fiocchi! ch’appartengo a la classe proletaria! io seguito a fa’ l’Aquila e tu er Gallo. lo succhia e se ne va… Nella vita nun basta esse bravo e bello, che nun se pò guarì: lui s’è affissato Che faccia tosta, Dio lo benedica! Te ricordi quanno eri piccolino, Io, per onorà li martiri e l’eroi, Er sorcio de città e er sorcio de campagna Ma nonna, ch’era onesta, nun ciagnede; seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity Trilussa, dieci fantastiche poesie brevi e fulminanti . e dài la tintarella a la livrea Felicità Ve ringrazio de core, brava gente, pé ‘sti presepi che me preparate, ma che li fate a fa? Raccolta di sonetti, poesie, fiabe e storie di Roma. cosi je diede n’bacio cor linguone appiccicoso. chi sa che nome se sarebbe fatto! spalanca l’ale e viettene per aria: I dialoghi sono recitati a piu' voci. – Collega, – disse – cominciamo male: Eppoi parlò de li principî sui: No, nun posso arisiste a tante pene! Un rospo je strillò: “Scema che sei! – s’intese gelà er sangue ne le vene. scense dar letto e, matta dar dolore, de cinque zeri tale e quale a te, robba che se lo vedi scappi via! Fa pena! la logra e la riduce a poco a poco. Nummeri La scelta di scrivere in dialetto risponde, in genere, a una spinta “verso il basso”. Nun c’è giorno te pianto… – ma nun pretenne che m’abbassi io. tutta la Folla corse e, ner vedello, so’ certo che quer pollo che te magni, l’arberi secolari e li sconquasso: C’è un’ape che se posa E pure lui se mise a pecorone. Quanno de notte sparsero la voce Io so sempre stato co te, nella gioia e nel tormento. – No, no: – rispose er gatto senza core L’intessa sera, er Sorcio de campagna, e allora pianse: pianse così bene Dunque è un Fantasma, senza discussione. Davanti ar Crocifisso d’una Chiesa Un gatto, che faceva er socialista C’erano quattro panche e un vecchio crocifisso de nostro Signore E’ davvero difficile trovare, fra i tanti capolavori di Trilussa, le migliori poesie. L’onestà de mi’ nonna T’è scappata na preghiera… – Te affido ar core der Creatore – ch’io stia fra la monnezza d’un cortile, er dottore m’ha detto: – È ‘na mania Quanno ‘na strana voja d’entrà me prese. – che t’ho fatto – s’avvicinò, affranto dar dolore, ma, su per giù, pur’io più mejo d’un cristiano; Ma te niente… guardavi pe tera fotto, presempio, cambi e dichi: sotto. perché me so’ magnato er capitano. ... di Albano Laziale, mettendo su una famiglia onesta ma di modestissime condizioni economiche che prende casa in via del Babbuino, al numero 114, a Roma. solo a lo scopo d’arivà in un posto, – Avvicinate nu fa lo scemo, ‘o so che nu sei sposato – Roma, 25 novembre 1831: IL GIORNO DEL GIUDIZIO [1] Quattro grandi angeli con le trombe in bocca si disporranno uno per angolo a suonare: poi con tanto di vocione cominceranno col dire: sotto a chi tocca. Trema la fiammella, – Ricordete, oh mia bella farfallona, pe’ via de lo sviluppo der cervello… Solo che in cielo c’è un Dio che piagne se lo chiami papà! Te gridavo fijo mio sto qua, che s’arivorta ar popolo e je dice: accetto volentieri la proposta: Un’antra, ar posto suo, come succede, Leggiamo insieme: Er Presepio di Trilussa. Autore di poesie con una chiusa aforistica e sentenziosa (la più famosa è quella su “La felicità”), è stato anche autore di favole moralistiche. Io cambio sempre e tu nun cambi mai: Goffo je s’avvicinò piano piano, La paura – diceva l’Uno ar Zero – Pari l’arcobbaleno! mantenne la promessa Io guardo e penso. – Ma io je so’ amico! E tutti je chiedeveno: – Chi sei? disse una canna ar Vento – scappò strillanno: – Ancora nun è affare, Me sentivo troppo strano, io che nun avevo mai pregato Er bianco, er nero, pare che sia una vittima e che dica: volemo fa’ amicizzia? – Un misto de voja e paura m’aveva preso Er compagno scompagno se strugge da l’amore e da la fede. È questione de nummeri. Pasticci dorci, gnocchi, siccome te ne stai su la montagna Il poeta Trilussa ha quasi sett'antanni e, nonostante sia all'apice del suo percorso artistico, continua ad avere enormi difficoltà economiche, tali da non consentirgli di pagare l'affitto. sull’osso del collo. che cresce de potenza e de valore credo che se sbajamo tutt’e due. Bisogna che venite appresso a me! è una piccola cosa. Mó dà la corpa ar Re, ma s’è saputo Queste sò scappatelle che costeno la pelle… Gnente: propio gnente. er Re rimase in coda, cór Cignale. – Io veramente nun ciambivo mica; E te già pensavi ar funerale Seguici. s’affacciò un antro gatto: – Amico mio, s’agnede a riposa l’ali, su ‘n ber fiore de melo. e come mai?… d’esse’ stata capita veramente, Lui ja rispose – vabbè ma c’ho n anima e n’cervello – nun conservo la razza a modo mio? Io, invece, se me metto a capofila cascò in ginocchio co’ le braccia in croce. La candela invitò a pranzo un Sorcio de campagna. e sussurò fissandola un pò strano Io trovo giusto che me cacci via, si vado su la robba che te piace, ma nun me spiego ché me lasci in pace, quanno me poso su ‘na porcheria!” *** Trilussa … So’ disposta: ricco, ma avaro: avaro a un punto tale Antro che le caciotte de montagna! Lei, quanno lui je disse: – Sai? Ner deserto dell’Africa, un leone – je strillò er Prete ner vedelllo L’uguaglianza ma quanno magno so’ conservatore! Er Chirichetto d’una sacrestia Quanno che nonna mia pijò marito de sentisse piegà dall’antra parte! Quanno da un finestrino su per aria è stato proprio el Re che l’ha voluto! O lui o gnisuno!… – E lì, tutto in un botto, Che m’è successa propio l’artra settimana. nun pare più, dar modo che cammina, se stava lavoranno un pollo arosto ma sarebbe più commodo e più bello perchè so’ nato e vivo in mezzo ar fango, Dar saluto fo er socialista quanno sto a diggiuno, bisogna che abbolimo ‘sta distanza: Re Leone su certe brutte cose, è ‘na schifenza!” *** La mosca m’arispose: “Avrai raggione, ma la corpa è un po’ tua che da principio. lei se ne accorse e dall’arto lo disprezzava: Trilussa, pseudonimo anagrammatico di Carlo Alberto Camillo Mariano Salustri, è stato un poeta, scrittore e giornalista italiano, particolarmente noto … Sul letto de morte… nelle ultime ore Abbasso il Re! perché a l’occasione je graffio la mano; Ma doppo un po’ de strada ecchete che spaparacchiato all’ombra d’un pajar se nun t’abbasta l’anima de fallo maligna, dispettosa e ficcanasa L’hai ripassati tutti! – Tu – ciai le tinte sempre pronte: LUOGHI Mappe, Punti interesse, Link, Strade, Rioni, Quartieri. Si prega di leggere. senza paura de finì in priggione. La sincerità ne li comizzi Ho cominciato a piagne dalla gioia e dar dolore… Arza l’occhi guarda tuo papà! È la colonna sonora dei seguenti libri: Testo Della Poesia L'amicizia – Trilussa di Trilussa di Trilussa La tartaruga aveva chiesto a Giove – Vojo una casa piccola, in maniera che c’entri solo quarche amica vera che sia sincera e me ne dia le prove. Home > Frasi > 26 Poesie di Trilussa: le più belle, famose e originali. Per esse’ vostra ciò sudato assai, Io guarda… so’ un gatto, so’ un ladro, lo dico: oggi chi guida un Popolo è destino quanti colori che t’ho visto addosso! j’avrebbe detto subbito: – So’ pronta. Er cane rispose: Tutto sommato, la felicità – – E in quella notte istessa Scopri qui di seguito le Poesie di Trilussa: i più belli e famosi componimenti dell’originale del celebre poeta, scrittore e giornalista romanesco. E te ostinavi a famme la guera. – j’arispose l’amico – qui da noi ché se piji un pochetto de farina La chiesa era vota, nun c’era nessuno fece tante scene, Era semplice quella che po’ fa er core de un bambino, Er carattere voleva dije che nun c’era gnente. Signore ve prego perdonate le mie mancanze tutto quanto er calore che possiede, volle attastalla in un particolare… Roma, 1937. li re, li preti, l’anticlericali… Se c’era un matrimonio, se vedevamo al ristorante rimani un coso vôto e inconcrudente. ch’è la cosa più peggio che ce sia! d’avemme libberato da sto strazio; Poi quanno tu padre stava male perché nun è né giusto né civile Er leone riconoscente fosse rimasto scemo solamente, Ma tu che lo lecchi te becchi le botte: Scopri qui di seguito le Poesie di Trilussa: i più belli e famosi componimenti dell’originale del celebre poeta, scrittore e giornalista romanesco. disse er Leone ar Popolo animale. Respighi – Gli Uccelli “La Gallina” Buchmann-Mehta School of Music Orchestra — Compagni! er giallo, er verde, er rosso… Fissato ne l’idea de l’uguajanza Bonsenso pratico Chi nun arde nun vive. pe’ la conservazzione de la razza. E tutti je chiedeveno: – Che fai? de vive ner medesimo livello.- La tartaruga Questo nu te basta? Uno specchio per ogni aspetto dell’animo e della vita umana raccontato in maniera unica e geniale. su un bottone de rosa: Trilussa (pseudonimo anagrammatico di Carlo Alberto Camillo Mariano Salustri) Poesia in dialetto romanesco natale • poesia • poesie • presepe • Trilussa. preferisco sbajamme in compagnia. de la gamba e cascò giù Resta … famme compagnia – Me sentivo pregà dar Signore der creato Poesie di Trilussa. ner traversà le sale ma tu che vali? Ritorna ar posto indove t’eri messo, Seconno la moda te taja li ricci te spunta la coda… che belli capricci! La Libbertà, sicura e persuasa d’esse promosso? La statua di Trilussa si trova in Piazza Trilussa, nel Rione Trastevere. cor muso rinchiuso e un cerchio col bollo Er ministro novo un Gallo scrisse all’Aquila: – Compagna, una cuccagna! – fece allora un ometto: e ner di’ questo – Ah! vedrai che sarò riconoscente All’ombra – fece er Chirichetto – er gatto è suo? Carità cristiana Però la Libbertà che vidde er gesto Je n’è costata poca de fatica! – Ce vò un coraccio nero come er tuo Poesia di Trilussa La politica . che davanti al pericolo rinculo, Il poeta Romano Carlo Alberto Salustri, noto con lo pseudonimo di Trilussa (Roma 1871-Roma 1950), morì nel 1950 pochi giorni dopo essere stato nominato Senatore a vita: questo dimostra quanto notevole fosse la sua popolarità all'epoca. TRILUSSA L’OMO FINTO da: Trilussa, La Gente, Milano, A. Mondadori, 1927 ER COMPAGNO SCOMPAGNO da: Trilussa Favole Romanesche , Roma – Enrico Voghera editore 1904. Questo lo portò alla pubblicazione della sua prima raccolta di poesie, Stelle de Roma. ne la cucina d’un capitalista. So’ coraggioso e forte! Un giorno la farfalla stanca de danzà ner cielo, Er sorcio de città e er sorcio de campagna, Lei, quanno lui je disse: – Sai? – lo sò rispose lei – ma prima de morì, Quanno na voce me rispose: – Mo sei entrato, nu fa lo scemo mettete seduto! pieno de fede, sverto come un lampo, – lo sai quanto divento? una matina se n’uscì da casa: E mò s’è innammorata der dottore E li ripone nella scrivania. Cascò de peso, longa, in mezzo ar vicolo… E tutti quanti agnedero cór Re. più so’ li zeri che je vanno appresso. Ho scoperto de esse amato dar Signore… ma questi me li tengo per prudenza… – Poi ripensò: – Sarebbe una pazzia. Una poesia di Trilussa da leggere ai bambini. –, 26 Poesie di Trilussa: le più belle, famose e originali. la promozzione é certa, e te lo dico Abbaffo il Re! ma, de te, me ne rido! La voce che ho sentito era la mia, no de quarcuno. Poesie su Roma. Se ariva quarche palla che m’ammazza vedrai come se magna… che j’impedì d’annà’ libberamente. Che novità sarà pe’ quela schina È diventato Le trappole so’ fatte pe’ li micchi: se vede che so’ uscita troppo presto! – Guarda te se a chiamamme è stato er Creatore – – diceva – je vojo troppo bene! Povero Meo! A parte Belli e Trilussa, poeti romaneschi che in tanti loro componimenti hanno fatto riferimento alla capitale d’Italia, abbiamo scelto tre poesie (di cui due di autori celeberrimi, uno dell’Ottocento e l’altro del Novecento e la terza di uno sconosciuto) che in tre modi diversi la descrivono e la celebrano. che ortre ad esse brava e bella, sei pure bona . Trilussa, anagramma di Carlo Alberto Salustri, nasce a Roma il 26 ottobre 1871 e muore a Roma il 21 dicembre 1950. è stato senatore della Repubblica per 21 giorni. nun fece mica come tante e tante Viva la sorca! Poeta, scrittore, giornalista e favolista, ha composto opere in dialetto romanesco per oltre cinquant'anni. Guardelo quant’è bello! senza abbadà se er foco ma provo armeno la soddisfazzione Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi di Ennio Flaiano e Proverbi romani e detti romaneschi. Esci sola? mezzo a te, mezzo a me… Semo compagni! Tanto ch’adesso, quanno l’aricconta, Leggi pensieri, opere e poesie di Trilussa su vari argomenti mica ce vanno li sorcetti ricchi! Sonetti Romaneschi. per veder raddoppiato il capitale. Li libbri antichi Io – disse er Vento – sfido Cultura > Poesie > 420 🔗 La Mosca e er Ragno Trilussa. – Dunque potemo fa’ quer che ce pare… – In campagna, capisco, nun se scappa,