Il 15 luglio Depretis si recò ad Ancona dove incontrò Persano, Vacca e Albini per programmare un attacco contro l'isola di Lissa; ancora una volta si arrivò ad uno scontro fra il ministro e l'ammiraglio; il primo insisteva per attaccare immediatamente, il secondo faceva presente che una tale operazione sarebbe stata possibile solo dopo avere sconfitto la flotta avversaria e comunque riteneva che a fronte degli almeno 5000 uomini di truppa da sbarco che riteneva necessari per l'impresa, ne aveva disponibili poche centinaia. Il prestigio della razza raggiunse l’apice ad inizio Ottocento, quando la cavalleria napoletana guidata da Gioacchino Murat partecipò alle campagne napoleoniche e lo stesso imperatore còrso lodò più volte i cavalieri nostrani definendoli “diavoli bianchi” dal colore delle caratteristiche uniformi. Storia delle Marine militari italiane, vol I, Storia della Marina militare italiana dal 1860 al 1870, Avanti, Savoia! La sera del 26 giugno la flotta austriaca venne avvistata dall'avviso a ruote Esploratore che mise immediatamente in allarme la flotta italiana; quel giorno non si verificò nessuno scontro, una volta resosi conto che l'intera squadra italiana era uscita dal porto e si stava preparando al combattimento, l'ammiraglio austriaco fece marcia indietro e tornò a Fasana[13]. L’operatività di Persano è costituita da dirigenza militare, ufficiali di cavalleria e veterinari e una maestranza di circa 200 persone che nei mesi delle semine e della raccolta raggiunge anche le 500 unità. Il Comando Comprensorio Persano è costituito da un Comando e due compagnie: Compagnia Comando e Servizi e Compagnia Gestione Infrastrutture. Zona Militare 14 km Base Navale Napoli - MARIDIST Napoli "MOVM F. CIARAVOLO" 76 km Deposito munizioni 111 km Campo Italia 259 km Aeroporto "Cosimo di Palma" 350 … Passaggio di consegne all’8° “Pasubio” di Persano: il 79° Comandante, Colonnello Giorgio Guariglia, ha ceduto il comando al parigrado Gianfranco Di Marco. I fratelli d’Italia però non accettarono l’offerta; ma non era costume nordico salvare le persone, figuriamoci gli animali: si pensi che gli stessi continuarono allegramente a bombardare, uccidendo civili e militari, anche mentre i napoletani firmavano la resa. Il mattino successivo tutto era pronto per l'attacco all'isola quando alle 7:45 l'avviso Esploratore segnalò l'arrivo di navi sospette, era la squadra di Tegetthoff al completo, 27 navi di cui 25 combattenti. Al termine della breve campagna del 1859, venne promosso contrammiraglio e, successivamente, con grande soddisfazione di Massimo d'Azeglio e del presidente del Consiglio Cavour, Persano ebbe il comando della squadra sarda durante la campagna del 1860[8]. Alla fine Persano, forse fiaccato dalle troppe polemiche, cedette alle insistenze del ministro e il giorno dopo comunicò in via ufficiale che avrebbe condotto la spedizione contro Lissa[18]. L’unica sorella, Anna, sposò Giuseppe Radicati, conte di Primeglio; anche il figlio, Ernesto, fu ufficiale di Marina. : miti e disfatte che fecero l'Italia, 1848-1866, Cavaliere di Gran Croce decorato del Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, Grande ufficiale dell'Ordine militare di Savoia (revocata), Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza, Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa (Portogallo), Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia), Cavaliere di IV Classe dell'Ordine di Sant'Anna (Impero di Russia), Medaille Commémorative de la Campagne d'Italie de 1859 (Impero francese), https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Carlo_Pellion_di_Persano&oldid=115359650, Senatori dell'VIII legislatura del Regno d'Italia, Deputati della VII legislatura del Regno di Sardegna, Decorati con l'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, Grandi ufficiali dell'Ordine militare di Savoia revocati, Voci con campo Ref vuoto nel template Infobox militare, Voci biografiche con codici di controllo di autorità, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. PERSANO, Carlo, conte di Pellion. L'azione di bombardamento delle navi italiane inizio tra le 11 e le 12 del 18 luglio; il presidio austriaco trasmise immediatamente tramite cavo telegrafico l'ormai imminente attacco italiano; pur consapevole di ciò che stava succedendo Tegetthoff non uscì immediatamente in soccorso dell'isola. Edificata in un’area posta tra il Sele e il Calore Lucano, ricca di boschi e di selvaggina, nel 1758 divenne di proprietà del Sovrano. In previsione della guerra del 1866, Persano, unico ammiraglio italiano ad aver guidato una squadra navale in battaglia, ottenne il comando della flotta e si recò immediatamente a Taranto il 16 maggio 1866; mancavano trentasei giorni allo scoppio della Terza guerra d'indipendenza. Presso la Sala Consiliare del comune di Istok in Kosovo, è stato svolto un corso di BLSD (Basic Life Support and Defibrillation) incentrato sulle manovre e le tecniche di primo soccorso da praticare su soggetti colpiti da arresto cardiaco mediante l’impiego di defibrillatore automatico, a favore di 36 insegnanti provenienti da 11 scuole di ogni ordine e grado della municipalità. Quando una Brigata dell’Esercito italiano che è storicamente impegnata in Patria e all’estero, è chiamata a perfezionare le sue expertise, per meglio adattarsi ai mutevoli scenari di riferimento, questa Obbedendo all'ordine, Persano partì il 21 giugno 1866; la navigazione procedette senza incidenti malgrado lo scarso addestramento degli ufficiali. Nel settembre del 1860 Persano lasciò Napoli e raggiunse Senigallia dove si trovava l'esercito sardo guidato dal generale Enrico Cialdini; compito della squadra navale era quello di espugnare Ancona; il giorno 18 settembre 1860, la divisione di Persano, forte delle fregate Maria Adelaide (ammiraglia), Carlo Alberto, Vittorio Emanuele, Costituzione, della corvetta Governolo e dell'avviso Malfatano effettuò un primo bombardamento della piazzaforte difesa dalle truppe pontifice; quel medesimo giorno le truppe sarde sconfissero quelle pontifice nella battaglia di Castelfidardo. SUL CAMPO - A condurre le operazioni di addestramento sul campo di Persano il colonnello Domenico Ciotti. Figlio del conte Luigi Amedeo Pellion di Persano e di Maria Cristina dei conti de Rege di Gifflenga; rimasto orfano entrò giovanissimo nella marina sarda. Qui Persano – ricorda Perrone – ebbe anche il comando di una flottiglia del Regno di Sardegna, inviata nel 1860 a pattugliare il golfo, in previsione di un’azione militare della quale non vi fu però bisogno. Il 28 ottobre 1860 Cavour ordinò alla flotta di portarsi davanti alla piazzaforte di Gaeta dove si era rifugiato Francesco II di Borbone con quella parte del suo esercito che gli era rimasta fedele. Lo stato borbonico, infatti Giugno 1987, campo addestramento carristi di Persano, 127° Corso Allievi Ufficiali, il sottofondo musicale è tratto dal tema di "Lampedusa", scritta nel 2016 dall'autore del post Nel 1900 il Ministero della Difesa volle ricostituire la razza con fattrici di provata attitudine al servizio da sella scelte tra i diversi reggimenti di cavalleria. Nel corso della permanenza nel poligono militare di Persano, si stanno effettuando sia esercitazioni per Posto Comando con l’utilizzo di mezzi informatici per la gestione del campo di battaglia, sia attività addestrative con truppe . In seguito alla soppressione del Centro di rifornimento quadrupedi di Persano, nel 1954, la razza si ridusse a una cinquantina di fattrici, trasferite al Posto raccolta quadrupedi di Grosseto: un altro pezzo di storia meridionale svenduto! Nel 1848 venne promosso capitano di fregata e divenne comandante del brigantino Daino (gemello dell'Eridano); con questa nave partecipò alla campagna navale contro l'Austria della Prima guerra d'indipendenza. L'affondamento della corazzata italiana determinò la fine dello scontro[21]. Nel loro primo passaggio, le sette corazzate austriache non riuscirono a speronare nessuna nave avversaria, furono invece le navi in legno austriache che le seguivano a restare pericolosamente senza la protezione delle navi corazzate. Quello stesso pomeriggio ricominciò il bombardamento dei forti; si distinsero la Formidabile e la Re di Portogallo che subirono danni e perdite a bordo; ancora una volta fallì il tentativo di sbarco a Porto Carober (oggi Rogačić). Dal 2006 Sideweb società leader nel campo dell’informazione sulle NOVITA' POLITICHE, GIURIDICHE e della TUTELA del personale militare. Il comando della squadra piemontese che partecipò alla guerra di Crimea fu affidato al comandante Di Negro[7]; nel 1859, durante la seconda guerra d'indipendenza italiana, il comando della squadra venne affidato al capitano di vascello Edoardo Tholosano mentre al parigrado Persano venne dato solo il comando del Carlo Alberto. Si è svolto questa mattina l’incontro tra il sindaco di Eboli Massimo Cariello e il comandante del Comprensorio Militare di Persano, il colonnello Ciriaco Fausto Troisi, sulla questione legata alle esercitazioni di tiro al poligono militare di Foce Sele. Quando Gaeta fu posta sotto assedio e bombardata dai sabaudi i soldati borbonici si proposero di salvare almeno i cavalli offrendoli ai nemici, anche perché il blocco navale e terrestre non permetteva rifornimenti alimentari né per gli uomini né per gli animali. Tutta l'azione si svolse fra le 10:45 e le 12 del 20 luglio; alle tre corazzate italiane comandate dal contrammiraglio Vacca, risposero in modo fiacco le navi austriache che marciavano in formazione a cuneo contro la linea delle corazzate italiane. Nel 1850 Persano ebbe l'incarico di dirigere la scuola di Marina di Genova a cui seguì, nel 1851, il comando della più moderna nave sarda, la pirofregata a ruote Governolo comando che tenne fino al 1853. Il cavaliere Francesco D’Errico, 91 anni compiuti lo scorso settembre, è un intelligente, amabile e saggio Sotto Tenente dei carabinieri in pensione dal 1989. KOSOVO. Pressato dalle continue insistenze di Depretis, Persano, che prima di prendere una qualsiasi iniziativa avrebbe voluto aspettare l'arrivo dell'ariete corazzato Affondatore sul quale riponeva molte aspettative, venne convinto a compiere una puntata offensiva; tale crociera venne effettivamente svolta fra l'8 ed il 13 luglio con estrema prudenza tanto che le navi italiane si mantennero sempre fuori vista dalle coste austriache[17]. Persano, scoppia granata: feriti due militari Persano. L'armata italiana si trovava sparsa intorno all'isola già provata da tre giorni di operazioni; l'ammiraglio italiano non perse tempo e diede il segnale di prepararsi al combattimento; le corazzate italiane si disposero in una linea di fila che inizialmente comprendeva sette unità visto che il Re di Portogallo e il Castelfidardo stavano riparando avarie di macchina e la Varese, la Terribile e la Formidabile erano in ritardo; solo le prime tre riusciranno poi a partecipare alla battaglia. Il 22 settembre venne effettuato un nuovo bombardamento dei forti di Ancona senza ottenere la capitolazione della piazza. L'assedio cominciò il 5 novembre 1860 e si concluse con la capitolazione della piazza il 13 febbraio 1861; la squadra navale ebbe una sola occasione di sfidare i cannoni della piazzaforte: il 22 gennaio le navi sarde aprirono il fuoco con tutte le artiglierie e in un'ora scaricarono sulla fortezza circa 4000 colpi; anche alcune navi sarde furono colpite, fra queste, l'ammiraglia Maria Adelaide che ebbe un morto e 2 feriti[12]. Per l'attacco il Persano aveva deciso di dividere le sue forze in quattro gruppi, tre di corazzate ed uno di navi in legno; i primi due ai suoi ordini dovevano attaccare Porto San Giorgio; il terzo, comandato da Vacca, Porto Comisa; l'ultimo formato da navi in legno comandate dall'Albini, doveva attaccare e sbarcare il corpo di spedizione a Porto Manego. Lo scontro a quel punto divenne una confusa mischia che vide coinvolte le dieci corazzate italiane contro tutta la squadra austriaca[21]. La Divisione “Acqui sta svolgendo presso il Comprensorio Militare di Persano, l’Esercitazione “Mole Pit 2010”, rivestendo il ruolo di Comando Operativo in ambito Unione Europea. Una pagina triste della storia della razza Persano riguarda il 1860, quando ciò che rimaneva dell’esercito borbonico, compresi i reparti di cavalleria (che naturalmente utilizzavano i cavalli di questa pregiata razza) si rifugiò nella fortezza di Gaeta con il re Francesco II, ad estrema difesa del regno meridionale contro l’invasione piemontese. Un testimone degli eventi raccontò di averli visti cercare disperatamente di nutrirsi addirittura delle porte e degli infissi di legno delle abitazioni di Gaeta! Dal 2006 Sideweb società leader nel campo dell’informazione sulle NOVITA' POLITICHE, GIURIDICHE e della TUTELA del personale militare. Il 14 luglio 1866 a Ferrara si svolse una riunione dei massimi vertici politico militari italiani nella quale si decise di ordinare alla flotta di uscire al più presto da Ancona per attaccare il nemico; veniva inoltre deplorata la condotta di Persano per l'ultima infruttuosa crociera in Adriatico. SERRE. Intorno alle 10, con le due squadre in rapido avvicinamento, Persano decise di trasbordare dal Re d'Italia all'Affondatore. Poiché all'epoca la degradazione comportava anche la perdita della pensione, visse gli ultimi anni di vita in povertà alleviata solo da un sussidio che il re Vittorio Emanuele II gli assegnò a titolo personale e in forma riservata[22]. “Caro Angelo, ti mando come in accordo la documentazione del persano golf resort , il campo da golf di Persano . Nel 1932, in un incidente aereo in Svizzera, moriva il suo primo pilota. La squadra navale piemontese era al comando di Giuseppe Albini; in questa campagna non ci furono eventi particolarmente rilevanti dal punto di vista navale[2]; l'unico di una certa importanza fu proprio l'attacco che il Persano effettuò di propria iniziativa contro il forte di Caorle il 13 giugno 1848; in realtà il Persano doveva effettuare solo una esercitazione di tiro al bersaglio ma decise di bombardare il forte austriaco; la risposta delle artiglierie del forte riuscì a colpire la nave una quindicina di volte provocandole anche una via d'acqua; per niente scoraggiato il Persano si ancorò a distanza ravvicinata e per 40 minuti bersagliò con un centinaio di colpi l'avversario prima di allontanarsi[3]. Dopo aver frequentato la scuola di Marina a Genova, ebbe il suo primo imbarco come guardiamarina nel 1822 sulla fregata Cristina[1]. Che era di casa nostra. Il conte Carlo Pellion di Persano (Vercelli, 11 marzo 1806 – Torino, 28 luglio 1883) è stato un ammiraglio e politico italiano, comandante della flotta italiana nella battaglia di Lissa. Riceverai, inoltre, la #RoyalCard che ti darà diritto ad una serie di sconti ed agevolazioni su eventi, attività, servizi e strutture convenzionate al circuito Siti Reali. La festa di corpo è … Nella tenuta di Persano, nel 1742, venne realizzato un allevamento equino selezionato di razza napoletana, siciliana, calabrese e pugliese con stalloni di razza andalusa e provenzale per creare una razza pregiata. Esisteva un vero e proprio nucleo abitato nel Medioevo, successivamente scomparso, poi un nuovo nucleo sorse nel corso del XVIII secolo, nelle immediate vicinanze della Casina Reale; Persano è essenzialmente una ex tenuta di caccia borbonica. Il 25 giugno le 19 navi che componevano l'armata, giunsero ad Ancona[16]. Nel 1825, agli ordini del comandante Francesco Sivori, partecipò ad una incursione nel porto di Tripoli per risolvere una disputa fra il re e il Bey di quella località; in quella circostanza il diciannovenne Persano ebbe il comando di una delle dieci imbarcazioni che il 25 settembre attaccarono di sorpresa un brigantino e due golette che costituivano il grosso della flotta del Bey; tre imbarcazioni sarde dovettero ritirarsi a causa del fuoco nemico ma le altre riuscirono a incendiare un brigantino e una goletta; lo storico Carlo Randaccio (spesso ostile al Persano), nel suo Storia delle Marine Militari italiane (vol I, Roma, 1886), afferma che il Persano fu uno dei primi a salire a bordo del brigantino nemico dando prova così di grande ardimento. Persano (Salerno). Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 5 set 2020 alle 22:31. Nel 1853, sempre col Governolo; ebbe l'incarico di trasportare Vittorio Emanuele II, il duca di Genova e il principe di Carignano in Sardegna per una partita di caccia; la mattina del 29 luglio costeggiando l'isola di Santa Maria della Maddalena la nave urtò contro uno scoglio sommerso non indicato dalle mappe nautiche; i reali dovettero sbarcare sul Tripoli mentre il Governolo andò in riparazione a Tolone. Si presenta su due livelli, un portale d’ingresso in pietra affiancato da due garitte, un atrio decorato a stucco in cui risalta uno scalone terminante con una statua in marmo raffigurante un cane da guardia (attribuito a Antonio Canova). Nella tenuta di Persano, nel 1742, venne realizzato un allevamento equino selezionato di razza napoletana, siciliana, calabrese e pugliese con stalloni di razza andalusa e … Al comando di una squadra di sei fregate, Persano alzò per la prima volta la sua insegna di ammiraglio sulla Maria Adelaide e, obbedendo agli ordini del suo governo, accompagnò e favorì la spedizione dei Mille di Garibaldi[9]. Alle dipendenze della Divisione “Acqui” sono stati posti Comandi dell’Esercito, della Marina e dell’Aeronautica. PERSANO. Ovvero, non si può dire per evitare ritorsioni sulla nostra persona da parte delle F.A. La ricognizione fu condotta il 17 luglio: dopo aver fatto una piantina abbastanza precisa delle difese dell'isola, il D'Amico si ricongiunse con il resto della flotta. – Nacque a Vercelli, allora provincia di Novara, l’11 marzo 1806, primogenito di Luigi e di Maria Cristina De Rege di Gifflenga. Promosso tenente di vascello, fu inviato a Londra per sorvegliare la costruzione della fregata Ichnusa della Marina sarda. In queste condizioni i cavalli, affamati e denutriti, cominciarono a morire di fame. Nel 1849 venne promosso capitano di vascello ed ebbe il comando della fregata Euridice con la quale partecipò alla breve campagna del 1849 al termine della quale tutte le navi sarde dovettero abbandonare l'Adriatico; proprio in questa circostanza in molte navi ci furono veri e propri moti di sedizione; il Persano fu uno dei pochi a reagire con energia arrivando a minacciare di dare fuoco alla polveriera della sua unità[4]. L’edificio principale è la Real Casina di Caccia, un edificio realizzato nel 1752 su ordine di Carlo di Borbone, affittuario dei conti De Rossi di Caiazzo e feudatari di Serre. Nel corso degli anni la Casina ospitò artisti e politici, in pratica i V.I.P. La realizzazione della Casina venne affidata all’ingegnere militare Giovanni Domenico Piana, originario di Ponna nel Ducato di Milano,[2] che, dopo aver demolito completamente il vecchio edificio, ne costruì uno ex novo, successivamente rimaneggiato da Luigi Vanvitelli nel 1753[3]. Nel 1851 ebbe l'incarico di trasportare oggetti all'esposizione universale di Londra; com'era sua abitudine Persano risalì una parte del Tamigi senza pilota esperto cosa che provocò un certo clamore nei giornali inglesi[5]. Cavour infatti nel gennaio del 1860, oltre a ricoprire il ruolo di presidente del Consiglio e quello di ministro degli Esteri, aveva assunto anche l'amministrazione della Marina separandola dal ministero della Guerra. Copyright 2015 - Associazione per i Siti Reali e le Residenze Borboniche Onus. Sempre per ordine di Cavour, Persano si diresse verso Messina dove la guarnigione borbonica della cittadella continuava a resistere; la squadra sarda coadiuvata dalle truppe di terra comandate dal Cialdini cominciò a fare i preparativi per l'attacco. VALLE D’AOSTA Aosta EI Battaglione Alpini “Aosta”/Brigata Alpina “Taurinense” Scuola Militare Alpina/Ispettorato delle Scuole Pollein (Aosta) EI 54 Gruppo Squadroni Elicotteri Multiruolo “Cefeo”/4 Raggruppamento Aviazione Leggera Esercito “Altair” Al processo, Persano non tentò di avvalersi dei privilegi di immunità connessi al suo stato di senatore: vi rinunciò fin dalla prima seduta, e dopo che il pubblico ministero aveva dichiarato che in stato di guerra l'interesse dello stato era superiore al diritto di immunità. I medici militari verranno forniti dal Policlinico militare “Celio” del Comando logistico e dalla Scuola di Sanità e Veterinaria dell’Esercito, mentre quelli civili sono stati messi a disposizione dalla Protezione Civile e dalla Regione Il conte Carlo Pellion di Persano (Vercelli, 11 marzo 1806 – Torino, 28 luglio 1883) è stato un ammiraglio e politico italiano, comandante della flotta italiana nella battaglia di Lissa. È così che si è conclusa l’esercitazione militare organizzata nella mattinata L'incidente ebbe delle conseguenze gravi: Persano fu sbarcato e sottoposto ad un Consiglio di guerra che lo condannò alla retrocessione del grado per sei mesi; la condanna venne poi annullata dalla Cassazione che riconobbe le inesattezze dei rilievi idrografici; il Persano cadde comunque in disgrazia e rimase senza comando fino al 1859[6]. Sembra esserci un militare di Persano, frazione di Serre, a capo della gang degli uffici postali che aveva, inoltre, progettato una rapina all’ufficio postale di Mercatello. Carditello e i cavalli di Persano… Il giovane fu … Deflagrazione di una granata durante un’esercitazione, due militari sono rimasti feriti nell’esplosione. Alle 10:33, secondo la relazione austriaca (10:45 secondo quella italiana) il Principe di Carignano aprì il fuoco imitato dal Castelfidardo e dall'Ancona. L’edificio e la relativa riserva di caccia sono state trasformate in un’area militare del 10º Reggimento di Manovra, Battaglione Logistico afferente all’VIII Brigata Meccanizzata Garibaldi. Mario Sansone nato e vissuto a Persano. Deputato nelle legislature VII e VIII per il collegio della Spezia, Persano che aveva già partecipato ad alcuni dibattiti su questioni navali alla Camera, nel febbraio del 1862 divenne Ministro della Marina nel primo Governo Rattazzi carica che ricoprì per circa nove mesi[14]; fu in seguito nominato senatore l'8 ottobre 1865. Il 12 marzo 1861 le navi sarde si avvicinarono alla cittadella ma a causa del mare agitato la sola Maria Adelaide riuscì a cominciare il tiro, quando anche le altre navi riuscirono ad avvicinarsi, la guarnigione decise di arrendersi[13].