Scendendo nel profondo sud si trovano popolazioni arabo-berbere che vivono nel Sahara, i sahrawi. Idrissidi, Alm… Sono in fase di progetto nuove linee ad alta velocità: Per questi progetti sarà necessario un investimento di oltre 100 miliardi di dirham (circa 10 miliardi di euro). La maggior parte dei marocchini professa l'Islam, quasi tutti di corrente sunnita e solo una ristretta minoranza di corrente sciita. STORIA. La storia del Marocco nell’epoca moderna è contraddistinta da periodi di grande instabilità. [35] Secondo il Rapporto mondiale delle Nazioni Unite 2012 droga, il Marocco è il secondo produttore di cannabis del mondo (dopo l'Afghanistan). Pare che la tradizione storica risalga, sin dall'antichità, appunto per proteggere oasi quando le sorgenti erano rare o poco fluenti. La crisi fu invece risolta per via diplomatica, con il riconoscimento tedesco del protettorato francese sul Marocco ed in cambio l'Impero tedesco ottenne delle rettifiche territoriali a vantaggio del Camerun da parte della Francia. Antica regione dell'Africa Settentrionale, oggi divisa tra il Marocco e l'Algeria, abitata dai Mauri. Si estende su una superficie di 458745 km². Breve storia del marocco, territorio e situazione economica!? Storia delle cose,Marrakech,Morocco #33 - La sintesi finale Conclusion. Nel novembre 2018 è stata inaugurata la prima linea ad alta velocità dell'Africa,[47] su cui viaggiano i TGV di produzione francese, la Ligne Atlantique, che collega le città di Tangeri e Casablanca. Il Marocco. When travelling through this blog, I have learned a lot about the teapot, this essential household item used to serve guests as a part of a cherished ritual. Il potere esecutivo è detenuto dal governo. Nel complesso le risorse idriche del Paese presentano una grande varietà di aspetti, ma in sostanza (pur essendo considerevoli) non sono certo abbondanti. Il progetto si inserisce nel quadro dello Schema nazionale del trasporto stradale, che descrive la strategia settoriale del Marocco fino al 2035 e definirà scenari e modalità operative di sviluppo della rete stradale e autostradale a medio-lungo termine, sulla base di 4 piani quinquennali tra il 2016 e il 2035. La costituzione fu sospesa da re Hassan II nel 1965 a seguito di sollevazioni popolari, causate sia dalla situazione politica sia da una grave crisi economica. I dialetti berberi parlati in Marocco sono principalmente raggruppati in 3 gruppi linguistici: tarifit nel Rif, tamazight nel Medio Atlante e tashelhit nel centro-sud. Il governo sembra ormai pronto a lanciare anche una radicale riforma del settore agricolo per ridurre la dipendenza dai cereali, altamente sensibili a periodi di siccità, e aumentare la superficie coltivata con piante ad alto valore aggiunto, come gli ulivi. Con 1808 km di autostrade praticabili, è la seconda rete africana, preceduta solo da quella del Sudafrica. Nel 1086, venne invitato dai principi arabi di al-Andalus, i cosiddetti "re delle Taifa", ad aiutarli contro Alfonso VI di Castiglia. Il Marocco è collegato con molti porti del Mar Mediterraneo da numerose linee di navigazione. Questi corsi d'acqua, per la scarsità delle precipitazioni e per la morfologia dalla catena montuosa dell'Atlante, non sono adatti per la navigazione, ma sono intensamente sfruttati per l'irrigazione e la produzione di energia idroelettrica. Il governo ha anche ammesso che per accelerare la crescita sono necessarie ulteriori riduzioni delle tariffe doganali e una semplificazione del regime del commercio. Lungo la costa è possibile gustare sia crostacei come l'astice, l'aragosta e i gamberoni sia altri tipi di pesce come sardine e sogliole. La Banca Mondiale e il FMI stimano che il Marocco necessiti di un tasso di crescita medio annuo superiore al 7% per poter intervenire in modo significativo sulla disoccupazione e sulla povertà. 600-41 D.C. -Le tribù dei Mauri fondano il regno di Mauretania che si estende dall'Atlantico al confine con l'Algeria. Le lingue ufficiali del Marocco sono l'arabo e il berbero. Le elezioni parlamentari del 2011, con una partecipazione del 45%, vedono per la prima volta il partito islamico moderato Partito della Giustizia e dello Sviluppo guadagnare una maggioranza relativa; Abdelillah Benkirane diviene così primo ministro del paese, sostenuto da PJD, Istiqlal, USFP e PPS. In ogni caso, il governo ha fatto progressi riguardo ad alcune di queste problematiche: ha realizzato significativi miglioramenti dell'ordinamento economico attraverso il rafforzamento dei diritti di proprietà e la riforma della normativa sul lavoro, grazie ai quali si è assistito a un rapido incremento della nascita di nuove aziende; ha migliorato il sistema di supervisione del settore bancario e ha liberalizzato i comparti dell'energia e delle telecomunicazioni. Un altro fiume importante del paese è il Sebou, che nasce anch'esso dai monti dell'Atlante e si tuffa nell'Atlantico non lontano dalla città di Kenitra. L'anno successivo al suo insediamento al trono fu approvata una nuova costituzione e nel 1963 si tennero le prime elezioni parlamentari. Nel 682, circa 50 anni dopo la morte del Profeta dell'Islam, Maometto, il Marocco viene conquistato dalle truppe di Ê¿Uqba b. NāfiÊ¿. I principali collegamenti sono dalla Spagna con i traghetti e gli aliscafi dai porti di Algeciras, Almería, Barcellona e Malaga a Tangeri, Nador, Melilla e Ceuta. YÅ«suf ibn TāshfÄ«n, soddisfatto di aver vinto anche questa seconda battaglia campale (dopo al-Zallaqa), dieci mesi dopo, ossia nel giugno del 1098, tornò definitivamente a Marrakesh, in Marocco, lasciando che la guerra nella penisola iberica fosse continuata dal figlio Ali ibn Yusuf. Il partito del primo ministro Abdelillah Benkirane, Partito della Giustizia e dello Sviluppo (PJD), di ispirazione islamica e alla guida dal novembre 2011 della coalizione al governo, ha conquistato 125 seggi su 395,[23] ed è la prima volta nella storia politica del regno che un partito viene riconfermato alla guida del governo. Il settore dei servizi in Marocco è in forte sviluppo. La situazione di stallo si risolse con la conferenza di Algeciras del 1906, che istituiva un controllo internazionale sul Marocco, a garanzia degli interessi economici dei paesi europei. Sull'onda delle proteste popolari scoppiate in tutto il Maghreb, il 1º luglio 2011, tramite referendum, è stata varata una nuova Costituzione con la quale il sovrano ha rinunciato a tutta una serie di poteri esecutivi a vantaggio del primo ministro, mantenendo però il controllo di tutte le decisioni strategiche. Il 17 marzo 2017, perciò, il re conferisce un nuovo incarico a Saâdeddine El Othmani, il quale il 5 aprile successivo presenta la nuova compagine di governo.[26]. [3][17] Con il progressivo sviluppo economico del Paese, negli ultimi anni si è registrato un notevole incremento dell'immigrazione sub-sahariana, mentre grazie a un regime fiscale favorevole sempre più imprenditori stranieri risiedono in Marocco (in particolare spagnoli e francesi). In passato il Marocco ha espresso più volte il suo desiderio di incorporazione nell'Unione europea, desiderio che è stato respinto in quanto non è un paese europeo. Scheda Sintesi (MAROCCO) Overview dei rapporti con l'Italia. Occorre però considerare che tale politica accelererà il processo di inurbamento della popolazione: se tale fenomeno non verrà adeguatamente gestito, aumenterà sensibilmente il rischio dell'insorgere di tensioni sociali e politiche. [25], La mancanza di una maggioranza chiara ha portato ad una fase di stallo nelle trattative per la formazione del nuovo governo, inizialmente affidate al primo ministro uscente Benkirane. Interessante intervista ad un marocchino. [18] Secondo altre stime, invece, i berberofoni sarebbero tra il 40 e il 65% della popolazione.[19]. Il livello amministrativo più elevato del Marocco è rappresentato dalle regioni, 12 (comprese quelle del Sahara Occidentale), introdotte con una legge del 2015 e governate da un wali di nomina regia e da un presidente eletto dal popolo. Nella parte più meridionale del Marocco si incontra il grande deserto del Sahara in corrispondenza del quale la presenza di insediamenti umani diventa estremamente rarefatta. Allora si rivolse contro il regno di Castiglia e, nel 1097, le truppe castigliane contrattaccarono gli Almoravidi nella zona di Toledo e riuscirono ad occupare il castello di Consuegra, che tennero per otto giorni, ma nella battaglia che avvenne il 15 agosto del 1097, le truppe di YÅ«suf b. TāshfÄ«n ebbero la meglio su quelle di Alfonso VI. L'allevamento è incentrato perlopiù su ovini, caprini e bovini. Ci sono circa 5 milioni di marocchini all'estero,[10] la maggior parte dei quali in Europa, principalmente in Francia (circa 1 500 000),[11] Spagna (circa 750 000)[12], Belgio (circa 500 000),[13] Italia (circa 450 000)[14], Paesi Bassi (circa 400 000)[15] e Germania (circa 140 000)[16]. Vedendo che i signori arabi complottavano l'uno contro l'altro e anche contro di lui, appoggiandosi alle autorità religiose locali si rese padrone di tutta al-Andalus tra il 1090 e il 1094. Agli Almoravidi fece seguito un'altra dinastia di regnanti di origine berbera, gli Almohadi, che regnò fino al 1269, controllando un grande territorio, che oltre al Marocco, comprendeva l'Algeria, la Tunisia, la Libia e alcune regioni della Spagna e del Portogallo. L'ordine giudiziario è indipendente e tutelato dal Consiglio superiore del potere giudiziario. La sua funzione è in parte simile a quello di un presidente di una democrazia semipresidenziale, con il nuovo testo costituzionale che si ispira in parte al semipresidenzialismo francese. La speranza di vita è di 74 anni, 73 per gli uomini e 75 per le donne, mentre il tasso di popolazione urbana è di circa il 60%. All'inizio del XX secolo risalgono le prime occupazioni francesi in terra marocchina, che intendevano contrapporsi alla influenza spagnola sulla regione. Sotto il suo comando furono conquistate, una dopo l'altra, Tlemcen, Fès e infine Marrakesh, la cui caduta segnò la fine totale della dinastia almoravide, nel 1147. Nel 1920 venne autoproclamata la Repubblica del Rif, che dovette arrendersi all… Gli Almoravidi, conosciuti in seguito con il nome di Banu Ghaniya si spostarono successivamente alle Baleari e in Tunisia. Il Marocco contesta inoltre la sovranità spagnola sulle exclave lungo la costa affacciata sul Mediterraneo: le città di Ceuta e Melilla, la penisola di Peñón de Vélez de la Gomera e l'isola di Peñón de Alhucemas; sono sotto sovranità spagnola anche le isole Chafarinas, sulla costa del Mediterraneo, 45 km a est di Melilla, di cui il Marocco chiede la restituzione. In un piatto unico è possibile trovare carne, frutta e verdura, condita anche con dello zucchero. 1 risposta. In Marocco viene fondato il CORCAS, un consiglio creato con decreto reale (Ḍāhir) dal re Mohammed VI composto da 140 membri, ed è la parte responsabile per negoziare con il Fronte Polisario e lo sviluppo economico e sociale del Sahara Occidentale. Preistoria. Nel marzo 2003 il Marocco si esprime contro l'intervento anglo-americano in Iraq, segnando in questo modo un momentaneo raffreddamento nelle relazioni con i suoi tradizionali alleati occidentali. La catena montuosa dell'Atlante si sviluppa attraverso le cime dell'Anti Atlante, che toccano un massimo di 2060 m, nel sud ovest del paese, quelle dell'Alto Atlante, a cui appartiene il Jbel Toubkal che con i suoi 4 167 m è il più alto del paese e del Nordafrica, sempre nel sud ovest del paese, quelle del Medio Atlante nel nord del Marocco che arrivano a 3350 m di altitudine, e quelle dell'Atlante Sahariano che arrivano ai 1 888 m. I principali fiumi del Marocco (Sebou, Oum Er-Rbia e Muluia) hanno generalmente un andamento da sud verso nord o nord ovest, seguendo il tragitto che dai monti dell'Atlante, con il loro regime irregolare, li porta a sfociare nel mar Mediterraneo o nell'oceano Atlantico. ); il nome di Marrakech (o anche Marrakesh) venne assegnato alla città dal suo fondatore Yūsuf ibn Tāshfīn. Il Re Mohammed VI al 28esimo vertice dell’UA. Le proteste in Marocco del 2011-2012 esprimono l'insofferenza crescente nei confronti del potere monarchico ed il desiderio di riforme costituzionali che aumentino il potere delle istituzioni elette (Parlamento e governo) rispetto a quello del re. Il Marocco può vantare l'università più antica del mondo fondata nell'859 da Fatima Al-Fihriya: l'Università al-Qarawiyyin, uno dei più importanti centri spirituali musulmani, l'università è situata a Fès. La Dakka Marrakchia (o più semplicemente dakka, anche detta dekka, daqqa o deqqa) è una forma musicale rituale e folcloristica, tipica della città di Marrakech. Ibn TāshfÄ«n morì nel 1106, all'età, secondo la tradizione, di 100 anni. In Marocco la musica classica, sia che sia strumentale o vocale, è chiamata arabo-andalusa, per via del suo sviluppo attorno all'anno 1000 nella Spagna islamica. Sulle coste del Marocco dove attualmente si trovano città come Rabat e Casablanca, nell’XI secolo a.C. i Fenici fondarono diversi porti commerciali di cui il più importante è Tingi, chiamata attualmente Tangeri. 1815-1870: Dal 1815 la Compagnia delle Indie penetrò in India dove impose propri amministratori. Fondò Marrakesh nel 1060, e Tlemcen nel 1080. il termine marocco in arabo significa regno dell' occidente, è uno stato dell' africa settentrionale. Nel 1908 Mulay Ê¿Abd al-Ê¿AzÄ«z fu deposto per la sua debolezza, prima dai nobili del sud e poi dagli Ê¿ulamāʾ di Fès, che fecero salire al trono il fratello maggiore Mulay Ê¿Abd al-Ḥafīẓ. [51], Il trasporto aereo marocchino ha avuto negli ultimi anni un enorme sviluppo. In ogni strada è facile imbattersi in venditori di fichi d'India e datteri ma anche asparagi selvatici. È possibile trovare anche ottima pasticceria con cioccolata nonché biscotti caratteristici oltre a differenti varietà di croccantini. Fu assoggettata dai Romani in seguito all'uccisione dell'ultimo re Tolomeo (40 d.C.) e divenne, nel 42 a.C., la provincia della Mauretania Tingitana. Assai prelibata è la crema dolce di Argan. Suo figlio, Abu Ya'qub Yusuf I (1163–1184), poté così succedergli alla sua morte nel 1163. Il principale canale pubblico di iniziativa privata è 2M, un canale dedicato alla curiosità, all'intrattenimento e all'informazione e alla conoscenza. Casablanca è il più importante centro urbano, commerciale e industriale del Paese. Il Marocco fu il primo paese al mondo a riconoscere l'indipendenza degli Stati Uniti nel 1777, durante la Guerra d'indipendenza americana. Mandorle, miele e zucchero sono la base di molti dolci marocchini: tipici dolcetti sono le "corna di gazzella" dove la pasta di mandorle si mescola con l'estratto dei fiori d'arancio. Il Marocco è un Paese dell'Africa settentrionale che confina con l'Algeria a E e a SE, con il Sahara Occidentale a SO e si affaccia a NE al Mar Mediterraneo, a NO e a O all'Oceano Atlantico. Egli presiede il Consiglio superiore del potere giudiziario ed il Consiglio superiore di sicurezza. Dolce tradizionale è la "pastilla au lait" con sfoglie, una crema di latte, mandorle tritate e, talvolta, estratto di rose e cannella. Nuove datazioni del 2017 su ritrovamenti rinvenuti nel 1961 nel sito archeologico di Jebel Irhoud, sposterebbero l'origine dell'Homo sapiens a circa 300 000 anni fa qui in Marocco. Tra i calciatori marocchini ricordiamo Ahmed Faras, capocannoniere della nazionale marocchina, selezionato dalla CAF come uno dei 200 giocatori africani più forti degli ultimi 50 anni, e Calciatore africano dell'anno 1975. La cultura Capsiano è stata portata in Marocco nel Neolitico (8000 a.C. circa), nel momento in cui il Nordafrica era meno arido di quanto non lo sia oggi[3]. Pertanto si va dai negozi di candele e di oggetti di culto in generale, prossimi alla moschea, per passare via via allontanandosi, ai librai, ai merciai e per finire, nei pressi delle mura, i negozi utili ai carovanieri. I servizi sono altamente dinamici in particolare nel settore turistico, commerciale, bancario e finanziario. Al termine della guerra, il partito Istiqlal chiese agli Stati Uniti d'America e al Regno Unito l'appoggio per la causa indipendentista. Le composizioni, in buona parte, sono organizzate in cinque movimenti dal diverso metro. Il 30 luglio 2001 Mohammed VI, nel discorso alla nazione, annunciò la creazione dell'Istituto Reale per la Cultura Berbera: in Marocco il berbero è parlato da circa il 40% circa della popolazione[4], ma fino ad allora nelle scuole si usava solo l'arabo e il francese. Categoria: Storia Contemporanea. La sovranità appartiene al popolo e il sovrano è capo religioso del paese, veglia sul rispetto dell'Islam ed è il garante del libero esercizio di tutti i culti. MARRAKECH Marrakech è una delle città imperiali più importanti nella storia del Marocco, ai piedi delle montagne dell’Atlante. Le elezioni parlamentari del 2007, con una partecipazione in forte calo al 37%, confermano un parlamento frammentato in una ventina di gruppi, ed un ulteriore spostamento a destra dell'assemblea. Le elezioni parlamentari del 1997 furono vinte dal principale partito di opposizione, l'USFP, a cui fu affidata la formazione e guida del nuovo governo: tra le prime azioni intraprese ci fu la distensione con l'Algeria, con la quale le relazioni erano interrotte da oltre quarant'anni. Gli atleti marocchini, come la maggior parte degli atleti africani, sembrano essere vocati per le discipline di resistenza, soprattutto sul mezzofondo. Il governo è impegnato a perseguire politiche volte a favorire una più rapida crescita economica e a ridurre la disoccupazione e la povertà. Il Marocco si è affermato come una delle maggiori mete turistiche dell'Africa e del mondo arabo, in particolare per quanto riguarda il turismo organizzato. Storia del Marocco. L'ultimo Idriside, disconobbe gli Omayyadi di al-Andalus in favore dei Fatimidi, fu fatto deporre e giustiziare nel 985 dal califfo di Cordova. Un discorso specifico va fatto a proposito di quella che è stata chiamata "architettura berbera", che si esprime nel ksar e nella qasba (o kasbah). Nel 2000 il Marocco impedì lo svolgimento del referendum per l'autodeterminazione del Sahara Occidentale inimicandosi l'Algeria, sostenitrice del Fronte Polisario. A seguito del referendum costituzionale del giugno 2011, il re Mohammed VI è tenuto a indicare come primo ministro il leader del partito di maggioranza relativa. Il riferimento del suq è la moschea e intorno a essa si sviluppano i vari negozi con una rigorosa gerarchia dettata dalla merce posta in vendita. Allo stesso tempo iniziò una politica che prevedeva il riconoscimento delle specifiche diversità culturali delle tribù berbere, attirandosi per questo l'accusa da parte della componente araba del paese di voler dividere il Marocco in due. Il sovrano infatti continua a conservare gran parte dell'attività decisionale e una parte dei poteri del primo ministro sono comunque legati al consenso del sovrano.